La sanificazione degli ambienti dopo la pandemia

Nonostante l’emergenza sanitaria sia finita, è importante continuare a mantenere le buone pratiche che abbiamo imparato in questi due anni, a partire dalla sanificazione degli ambienti

Negli ultimi due anni, nonostante le difficoltà e le preoccupazioni legate al Covid, abbiamo imparato alcune buone pratiche che dovremmo mantenere anche in futuro. L’attività di pulizia e sanificazione degli ambienti, infatti, è sempre fondamentale, anche in situazioni che non hanno a che vedere direttamente con la pandemia.

Basti pensare a quanto è importante per prevenire in generale la diffusione di altri virus e batteri e a quanto ci sentiamo più sicuri in un ambiente adeguatamente pulito e sanificato. Come ti abbiamo già raccontato qui, anche il benessere psicologico non va sottovalutato: lavorare in un ambiente malsano può generare stress, ansia o depressione.

Oggi, secondo la normativa vigente, il datore di lavoro deve assicurare la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni. Se viene rilevato un caso di positività al Covid, bisogna procedere alla pulizia, alla sanificazione e alla ventilazione dei locali secondo le disposizioni della circolare del Ministero della Salute 5443 del 22 febbraio.

Sanificare gli ambienti non è quindi più obbligatorio. Per questo, oltre all’oneroso aumento dei costi dell’energia e in vista dei prossimi mesi invernali, molte aziende stanno ora rimodulando i propri contratti per mantenere solo i servizi standard di pulizie.

Insieme a Ciro Deon, Responsabile della Qualità di Bauunternehmung, ti spieghiamo perché è importante continuare con le attività di pulizia e sanificazione messe in campo negli ultimi due anni.

Le buona pratiche da mantenere: i nostri consigli

Complice la pandemia, tutti negli ultimi anni abbiamo imparato il significato di termini quali sanificazione, pulizia e igienizzazione e sappiamo quali sono le buone norme da seguire. Perché è importante non abbandonarle?

Siamo assolutamente consapevoli che i rincari energetici e il conseguente aumento delle bollette siano ora la priorità per molte aziende. È però importante continuare a parlare di sanificazione e a garantirla specie nelle aree dove ci sono molte persone. Per questo consigliamo di usare sempre prodotti disinfettanti e detergenti per mantenere almeno il livello standard di pulizia.

Com’è possibile far capire alle aziende che la necessità di sanificare gli ambienti non è legata solo al discorso pandemia?

Come dicevamo, l’attenzione delle aziende adesso si è spostata su altri fronti. Quello che però noi continuiamo a proporre loro, pur riducendo il servizio per andare incontro alle loro esigenze, è di mantenere alcuni aspetti del servizio stesso, soprattutto in alcuni ambienti. Crediamo che sia importante mantenere la sanificazione degli spazi dove le persone si ritrovano di più e dove c’è un ricambio frequente di persone.

Quali sono quindi i servizi imprescindibili che proponete?

Consigliamo di utilizzare specifici detergenti, con una certa frequenza di intervento, in tutte le zone di aggregazione che possono essere le aree ristoro, la mensa, gli spogliatoi, l’ingresso, le sale riunioni. L’emergenza sanitaria è per fortuna finita, ma non possiamo abbassare la guardia perché i casi di positività sono sempre all’ordine del giorno. Per questo consigliamo sempre di mantenere almeno qualche operazione di sanificazione soprattutto, come dicevo prima, in quei locali che consideriamo più “critici”.

Cosa comporta mantenere “solo” un livello di pulizia generale senza la sanificazione?

La mancanza di sicurezza di aver disinfettato le superfici e gli ambienti, perché per la semplice pulizia si utilizzano altri sistemi. In questo modo non ci sentiamo protetti non solo dal Covid, ma anche da tutti gli altri virus e batteri che possono essere presenti in un ambiente in cui ci sono diverse persone.

A proposito di sicurezza, quanto è importante oggi sentirsi “al sicuro” in un ambiente di lavoro?

Avere la sicurezza di andare a lavorare in un ambiente pulito e sanificato è sicuramente un aspetto che ha assunto una grande importanza. Bisogna inoltre considerare che, nel caso in cui un ufficio o un intero reparto sia costretto a casa, i costi dell’intervento saranno sicuramente più onerosi che mantenere una frequenza costante di pulizie. Quello che può sembrare un risparmio poi alla fine non lo è.

Condividi
Torna su